IL GAMAY DEL TRASIMENO PROTAGONISTA ALLA MANIFESTAZIONE “GRENACHE DU MONDE”
La Cantina “Duca della Corgna” guiderà altre cinque realtà della DOC “Trasimeno” nell’importante manifestazione di rilevanza mondiale

La Cantina “Duca della Corgna” di Castiglione del Lago guiderà la squadra delle Cantine della DOC Trasimeno che parteciperanno alla manifestazione di rilevanza internazionale “Grenache du Monde” che quest’anno si terrà in Sardegna dal 9 al 12 febbraio e che metterà a confronto oltre 500 etichette provenienti da tutto il mondo realizzate con uvaggi a base di Gamay. “Questo vitigno – esordisce il Presidente della Cantina Carlo Corbacella - ha come caratteristica peculiare quella di essere una varieta' nomade che ha trovato dimora nel corso dei secoli in tutto il mondo divenendo spesso un pregiato vino autoctono e assumendo nomi diversi secondo le nazioni e le regioni in cui si è radicato. Così in Francia si chiama Grenache, in Spagna Alicante o Garnacha, in Sardegna Cannonau, in Liguria Granaccia, nel Veneto Tai rosso. Sull'area del Trasimeno, dove presumibilmente è arrivato intorno al diciassettesimo secolo ha preso il nome di Gamay del Trasimeno ed oggi rappresenta il fiore all’occhiello della nostra DOC”. La Cantina Duca della Corgna partecipa da 3 edizioni all’importante manifestazione nella quale ha ottenuto nel 2015 una prestigiosa medaglia d’oro con il “Divina Villa” etichetta nera. “La manifestazione – gli fa eco il Direttore di Fedagri Lorenzo Mariani - dà lustro ad una produzione di nicchia ma di elevata qualità della nostra regione che nelle colline del Lago Trasimeno ha trovato il favore di un microclima che rende questo vino inconfondibile ed unico nel panorama mondiale. Nello spirito di squadra che contraddistingue la spedizione delle Cantine umbre in terra sarda – conclude Mariani – mi piace rimarcare con favore che se la Cantina “Duca della Corgna” grazie alla felice intuizione dei suoi amministratori ed enologi è stata la prima a credere nelle potenzialità di questo vitigno oltre venti anni fa, oggi sia stata seguita da altre Cantine dell’area del Trasimeno con pregevoli risultati”. “Il Gamay del Trasimeno – conclude Corbacella – consente di ottenere risultati di assoluto pregio qualitativo sia sui vini rossi giovani che affinati in barrique ma anche in quelli rosati molto apprezzati dai consumatori e prodotti con uve gamay in purezza ma vinificati con tecniche enologiche da vino bianco”.



Autore: Ufficio Stampa
Info: fedagri.umbria@confcooperative.it